1/8

"Lo so, dire a un pittore che le sue tele sono cinematografiche è come dire a uno scrittore che i suoi libri sono musicali o a un musicista che il suo lavoro evoca odori o sapori. Eppure non posso dire altro sul lavoro di Laura Federici se non che sento, come regista, una grande affinità tra il suo lavoro e quello che faccio io [...]” (Daniele Luchetti)

“Laura Federici sceglie momenti apparentemente insignificanti, persone, personaggi, che non fanno niente di speciale, strade o giovani in piscina, bambine che giocano, autostrade, svincoli, alcuni angoli, certi luoghi e certi momenti. Guarda il mondo e lo rimanda allo spettatore intriso di un'intensità tutta sua, amplificandone l'aspetto carnale o la sfocatura, o addirittura ricomponendo il gioco tra pieno e vuoto, come fa il cinema, quando coglie la realtà, lo ricompone attraverso il montaggio, attraverso il gioco della fotografia o quello della narrazione".

(Daniele Lucchetti)

Testi PDF

Foglie

Marocco

Pini

_ 2014

_ gallerie Brieve, Mairie13 Parigi (FR)